Il ritorno da Mutwanga

Tempo di lettura: 3minuti

missi2La nostra seconda missione in Africa purtroppo è terminata! Tornare a Mutwanga, rivedere la nostra scuola, ritrovare il sorriso dei bambini (cresciuti di un anno) è un po’ come ritornare a casa nostra; è la nostra famiglia! La popolazione del villaggio,che collabora fattivamente all’evoluzione della scuola, ci ha accolti in festa, ringraziandoci per non averli abbandonati, nè dimenticati! Avevamo promesso loro di tornare e l’abbiamo fatto! Si è certamente consolidato un rapporto di amicizia e di fratellanza tra il villaggio di Mutwanga e la fondazione Emanuela Panetti! La presenza della nostra Onlus lì contribuisce allo sviluppo socio – economico del villaggio stesso. 

La nostra scuola ancora non è finita, ma il proseguimento dei lavori ci fa ben sperare: pensiamo di poter terminare la strutturaentro giugno 2013.L’edificio è molto grande, per il momento sono state terminate tre aule. Si è ribadita la collaborazione con l’Associazione laica Gruppo di Rinnovamento Carismatico, che cura direttamente i lavori della scuola. Durante la nostra permanenza a Mutwanga abbiamo acquistato Poppy, Lina e Lisa che in aggiunta a Bianchina ha portato a 4 le caprette della fondazione che forniscono la produzione di latte da utilizzare come sostentamento per i piccoli che frequentano la scuola.

Riteniamo che la nostra missione si sia conclusa nel migliore dei modi e che il nostro progetto si stia concretizzando grazie all’aiuto di tutti i nostri sostenitori! Grazie a tutti anche dalla popolazione di Mutwanga!
I fondatori
Maria Teresa Savastani e Goffredo Panetti