Galà et…Voilà Fondazione Emanuela Panetti Onlus

Tempo di lettura: 3minuti

La Fondazione Panetti saluta il 2011 tra gli applausi, speranze,sorrisi e una fetta di panettone. Così la Fondazione Emanuela Panetti Onlus ha incontrato i suoi benefattori, domenica 4 dicembre 2011. La kermesse è stata condotta da Francesca Santambrogio e Leandro Materni , che, sulle note della Seluia Òrchestra, hanno illustrato i progetti realizzati dalla Fondazione Panetti. Dall’abbellimento delle pareti del Bambino Gesù di Santa Marinella, passando per il servizio di accompagno, per gli anziani in difficoltà, fino all’inaugurazione della scuola materna e la costruzione di un pozzo per la fornitura dell’acqua, nella Repubblica Democratica del Congo. Tra gli altri, hanno colto l’invito, lodando l’opera della Fondazione: Antonio Manzo, del Co.Ge.Ma.R.“Coordinamento Genitori Malattie Rare”, Roberto Fantauzzi e Raniero Ranieri, rispettivamente Responsabile Comunicazione e Presidente Avis di Roma e Giovanni Creton, Presidente associazione Ryder Italia. Alla manifestazione è intervenuto Padre Etienne Khinda,sacerdote presso la Parrocchia di Colle di Mezzo, piccolo centro del teatino. Ad ottobre, lo stesso Padre Etienne, ha guidato la missione della Onlus in Africa. Ospite d’eccezione: Pino Scaccia, giornalista Rai di vecchia data e storico inviato del Tg1. Il comico Marco Capretti, di scuola Seven Show, ha allietato la serata con sketch in chiave goliardica. Dopo la cena, dessert a base di Panettone Solidale. Iniziativa da cui la Onlus Panetti riceve i maggiori proventi nel periodo natalizio. Un anno da incorniciare per l’organizzazione benefica romana, che grazie alla tenacia e all’audacia dei suoi volontari è riuscita ad ottenere risultati strabilianti.